AMARONE

AMARONE DELLA VALPOLICELLA

Uno dei più pregiati vini rossi veneti

Questo vino rosso deriva la sua etimologia dall'aggettivo “amaro”, termine utilizzato intorno al 1700 al posto di secco per indicare il grado zuccherino del vino. La sua vinificazione prevede l'utilizzo di uve appassite e per questo è indispensabile creare già una forte selezione dei grappoli all'interno del vigneto al momento stesso della raccolta, garantendo una materia prima di eccellente qualità. L'Amarone, dunque, è ottenuto dall'appassimento delle uve per circa 120 giorni, dove porta a termine la fermentazione degli zuccheri. È uno dei vini più longevi fra i grandi vini italiani.
RECIOTO

RECIOTO DELLA VALPOLICELLA

Il vino dolce più famoso del Veneto

"Il nome “Recioto” deriva da recia (orecchia), parola dialettale veronese che rimanda alle tecniche della tradizione per la produzione di questo vino: in passato, infatti, si era soliti destinare all’appassimento le uve provenienti dalle ali laterali dei grossi grappoli, le “recie”. Parlare del “Recioto” significa parlare della storia stessa della Valpolicella.
CLASSICO

VALPOLICELLA CLASSICO

Un vino dal colore rosso molto intenso, con un aroma deciso

La produzione del vino in Valpolicella ha una storia che si perde nella notte dei tempi e già gli Arusnati coltivavano la vite in questo territorio in epoca pre-romana. Ancora oggi per la produzione del vino “Valpolicella” si utilizzano uve autoctone a testimoniare il forte legame con il territorio e con la storia di questo prodotto di qualità; in particolare i vitigni più utilizzati sono: Corvina, Corvinone, Rondinella e Molinara. Dalla perfetta unione di queste uve e dalla maestria di ciascun vignaiolo nasce il vino “Valpolicella”, il cui nome è apparso per la prima volta in un documento del 1177 nella sua forma dialettale Val Polesèla.
RIPASSO

VALPOLICELLA RIPASSO

Di colore rubino con riflessi granati

Questo vino si ottiene facendo rifermentare il vino “Valpolicella” sulle vinacce dei grappoli lasciati in appassimento per ottenere il vino “Amarone della Valpolicella” per circa 15/20 giorni. Esso risulta caratterizzato da una maggior struttura e longevità rispetto al “Valpolicella”, da una maggiore alcolicità, da un’acidità più bassa e una maggior rotondità, da un più elevato valore in estratti e in sostanze fenoliche.